AMERICHEStati UnitiUtah

Sorprendente Arches National Park

arches_utah_tripvillage-28

Seppur piccolo (soltanto 305 km2), il parco naturale di Arches è stato per me il più sorprendente parco naturale visitato durante il mio on the road del 2010.

Le cifre parlano di circa 2000 archi naturali creati da Madre Natura.
Duemila.

Questa zona l’ho inserita nel nostro tour a discapito di San Diego e, anche se con un po’ di dispiacere, non mi sono pentita della scelta.
Grazie a questo parco lo Utah è diventato di gran lunga uno dei miei Stati preferiti.

Vista la grandezza decisamente ridotta rispetto a tutti gli altri grandi parchi americani, Arches si può visitare in una giornata sola riuscendo anche a fare parecchi trails a piedi.
Noi siamo arrivati alle 14 e ci siamo fermati direttamente a Park Avenue formato da alte pareti rocciose che ricordano i palazzi di New York.
Non lontano si incontra una parte che mi ha molto divertito: vi capita mai di guardare le nuove e trovare le varie forme? Lo facevo da bambina e lo faccio anche ora, mi diverte un sacco!
Ecco, qui ci sono le rocce che hanno forme “umane” come ad esempio le Three Gossips – le tre comari – e la Sheep Rock (riuscite a capire perché si chiama cosi anche se non scrivo la traduzione?)
A pochi km di distanza si trova la Balanced Rock, una roccia in equilibrio precario su di un’altra che sembra cadere da un momento all’altro.
Il piccolo sentiero ai suoi piedi permette di girarci attorno e di vederla da tutte le prospettive.%title

%title

%title

Percorrendo poi le 18 miglia circa di strada asfaltata, che vi permetteranno di visitare il parco, si incontrano paesaggi surreali formati dagli hoodos (pinnacoli) o da altissime falesie rosse che, in contrasto con il blu del cielo, vi sembreranno ancora più sature di colore.

Proseguendo incontrerete Elephant Butte, il Double Arches e la North & South Window.%title

Un punto da non perdere assoluatamente é il Landscape Arch.
Noi siamo arrivati quando era già in ombra, ma l’effetto è stato comunque bellissimo .
E’ uno degli archi più lunghi del mondo e nei cartelli informativi lí vicino troverete anche la foto che un turista ha scattato nel 1991, nel preciso istante in cui un pezzo di arco lungo 18m si staccava e cadeva al suolo… quando si dice “la fortuna!“.%title

Quando arriva l’ora del tramonto c’é solo un luogo in cui dovete recarvi: al Delicate Arch, il simbolo dello Utah.

I modi per vedere l’arco più famoso del parco sono due:

  • raggiungendo in auto in Delicate Arches Viewpoint per poi percorrere a piedi i trail per il Lower Viewpoint (circa 100m), o per l’Upper Viewpoint (circa 800m tra andata e ritorno)
  • Lasciando l’auto al Wolfe Ranch e percorrendo i circa 5km di trail su un sentiero direttamente sulle rocce.

Noi ovviamente abbiamo fatto l’ultimo e devo dire che se non siete tanto in forma o non abituati a camminare bisogna stare attenti perché, anche se di per sé non è molto lungo, la difficoltà sta nella pendenza (che aumenta sempre più) e nel sole cocente che non aiuta.
In termini di tempo tenete conto almeno un’ora per salire in cima, cosí da poter calcolare bene l’orario in cui partire.

Da lassù sembra di essere in cima al mondo.

%title

%title
Con il senno di poi mi sarei fermata sicuramente qualche giorno in più per scoprire le bellezze tutt’attorno a Moab, ma vediamolo come un valido motivo per tornarci.

Viviamo tutti sotto lo stesso cielo, ma quell’azzurro così intenso e ricco lo ricordo ancora come il più bello che i miei occhi abbiano visto.
Chi l’avrebbe mai detto che mi sarei innamorata dello Utah?

Informazioni Utili:

  • Arches National Park si trova a circa 6km a Nord di Moab ed è aperto tutto l’anno 24h.
  • Il Visitor Center è aperto tutto l’anno (ad esclusione del 25 dicembre) e qui potete trovare gli orari aggiornati
  • L’ingresso al parco costa 10$ ad auto (a meno che non siate in possesso del National Park Pass)
  • Qui la mappa del parco
Hai trovato utile questo post? Condividilo sui tuoi social!
Elisa - Tripvillage
Elisa - Tripvillage
Classe 1986. Acquario. Amo la danzare, viaggiare, i cani, il mare e l'estate. Dammi una spiaggia e sono felice. Introversa e sognatrice. A volte troppo. Ma non é mai abbastanza.
Tripvillage - Travel Blog di Elisa

23 Comments

Leave a Comment

Scroll Up