Irlanda

7 giorni tra Irlanda e Irlanda del Nord: itinerario

Irlanda-Donegal-salto

Anche se in ritardo, riesco finalmente a condividere con voi il mio itinerario a spasso tra Irlanda e Irlanda del Nord.

L’idea del viaggio è proprio nata per caso, grazie ad una visita al sito del Turismo Irlandese dove mi sono completamente innamorata del video di presentazione della Giant’s Causeway.

Il nostro #IrlandaTour ha così preso forma e devo dire che è stato un viaggio breve ma intenso che ci ha portato a scoprire zone di cui, fino a pochi giorni prima della partenza, ignoravo l’esistenza.Una settimana in Irlanda mappa

VOLO

Abbiamo volato con Air Lingus a/r su Dublino che abbiamo lasciato subito per dirigerci a Belfast. Da qui, avendo solo una settimana, abbiamo deciso fare un on the road tra Irlanda del Nord e Irlanda.
Non essendo amanti del mordi e fuggi  abbiamo preferito goderci tutto ciò che la zona scelta potesse offrirci durante i nostri 7 giorni.

In fase di organizzazione abbiamo lasciato delle notti “libere” per decidere sul momento come muoverci. 

ITINERARIO

27/09 → Milano – Dublino – Belfast
28/09 → Belfast
29/09 → Belfast – Carrick A Ride – Giant’s Causeway – Dark Hedges – Ballymoney
30/09 → Ballymoney – Bushmills Distillery – Dunluce Castle – Musseden Temple – Derry/Londonderry
01/10 → Londonderry – Malin Head – Slieve League
02/10 → Slieve League – Drogheda
03/10 → Drogheda – Howght – Dublino
04/10 → Dublino
05/10 → Dublino – Milano

27/09 → Milano – Dublino – Belfast
Non appena lasciato l’aeroporto e fatto confidenza con la guida a sinistra (e vi assicuro che non è poi così difficile) si entra subito in autostrada quindi si raggiunge Belfast circa 2 ore.
Essendo arrivati nel tardo pomeriggio ci siamo concessi solo un veloce giro per il centro di Belfast (non perdetevi il City Hall illuminato!) con annessa visita al Visitor Center. Qui potrete trovare utilissime cartine e guide sia su Belfast che sull’Irlanda in generale! E’ una buona base di partenza per avere qualche info in più!

28/09 → Belfast
Pur avendo a disposizione una sola giornata come noi, riuscirete a vedere gran parte della città.
Come prima cosa abbiamo attraversato la città per arrivare a piedi fino al Titanic Quarter: è esattamente in questo quartiere navale che ha visto la luce il Titanic. Si trova qui il Titanic Belfast, inaugurato nel 2012 in corrispondenza con il centenario del naufragio, ed è un centro multimediale che illustra la storia di Belfast e quella della costruzione del più famoso transatlantico del mondo.

Il centro è fatto molto bene, è completamente interattivo e vi riporta indietro nella storia della città per capirne anche il suo sviluppo. Per visitarlo tenete in conto un paio d’ore circa.

Nel pomeriggio ci siamo dedicati a West Belfast, il quartiere tristemente famoso per i tre decenni di guerra civile, e conosciuto per i suoi famosi murales (ve ne ho parlato qui).%title

29/09 → Belfast – Causeway Costal Route – Carrick A Ride – Giant’s Causeway – Dark Hedges – Ballymoney
Un’ora dopo aver lasciato Belfast inizia il vero on the road lungo la Causeay Costal Route, una strada panoramica che si snoda per 53km tra Portstewart e Ballycastle.

Dopo un veloce passaggio per le Glens of Antrim siamo arrivati al Carrick A Ride, il ponte di corda sospeso: se ce l’ho fatta io, che ho qualche problema con il vuoto, potete farcela anche voi! Ve lo giuro!

Da qui siamo ripartiti in direzione Giant’s Causeway e dopo aver percorso entrambi i trail a piedi alla scoperta della zona dichiarata Patrimonio dell’Unesco, abbiamo raggiunto Dark Hedges, tunnel naturale creato da alberi di faggio secolari piantati ai bordi della strada.

30/09 → Ballymoney – Bushmills Distillery – Dunluce Castle – Musseden Temple – Londonderry
Approfittando della vicinanza a Bushmills, abbiamo fatto visita alla famosa distilleria di whisky. Per la mia esperienza non posso che consigliarvi di effettuare la prima visita guidata del mattino: ci sono poche persone e il tour è molto ben fatto, dura circa 45 minuti e si ha una completa descrizione sulla produzione della famosa bevanda alcolica.

Da qui abbiamo ripreso i nostri passi sulla Causeay Costal Route e abbiamo raggiunto in pochi minuti il Dunluce Castle, un magnifico antico castello medievale a picco sul mare.

La tappa successiva è il Musseden Temple e successivamente Derry/Londonderry che raggiungiamo nel pomeriggio giusto in tempo per la visita del Bogside e della zona all’interno della cinta muraria.%title

01/10 → Londonderry – Malin Head – Slieve League
Questa credo sia stata la tappa più emozionante del viaggio. Sia per la decisione presa all’ultimo momento e sia per la varietà di paesaggi che abbiamo trovato lasciando l’Irlanda del Nord ed entrando in Donegal.

La prima tappa è stata Banba’s Crown a Malin Head – il punto più a nord della terraferma irlandese – da cui ci siamo poi immessi nella Wild Atlantic Way per arrivare fino alle Slieve League: si dice che siano le scogliere più belle e più alte d’Europa. Io confermo.
%title

02/10 → Slieve League – Drogheda
Questa tappa, pur essendo stata puramente di trasferimento, ci ha permesso per l’ennesima volta, di ammirare i variegati paesaggi che l’Isola di Smeraldo ha da offrire. Abbiamo lasciato al Wild Atlantic Way dopo aver stata utilizzata per l’avvicinamento verso Dublino, con uno stop a Drogheda che ci ha permesso di vistare un altro sito patrimonio dell’Unesco: il sito archeologico di Bru Na Boinne con le tombe verticali di Newgrange.

03/10 → Drogheda – Howght – Dublino
Prima di riconsegnare l’auto abbiamo fatto uno stop a Howght che ci ha accolto con la nebbia e con quell’atmosfera che solo un piccolo villaggio di pescatori può dare.
Da qui siamo tornati all’aeroporto di Dublino per riconsegnare l’auto ed abbiamo preso l’Airlink per raggiungere il centro città.

Dublino ci ha accolto con una pioggia fitta e potente così, dopo un giro in O’Connel Street, ci siamo diretti a Temple Bar per poi raggiungere il City Hall e il Dublin Castle, finendo il pomeriggio con una cena a suon di stufato alla Guinnes e birra.%title

04/10 → Dublino
La prima tappa del mattino é stata la Guinnes Storehouse dove siamo arrivati a piedi attraversando la città.
Vi consiglio di acquistare i biglietti on line così da evitare le file (e per avere un piccolo sconto!)
La mattinata é volata via cosí, tra cenni sulla storia e la produzione della birra fino ad arrivare alla pubblicità e alle famose pinte offerte con il ticket d’ingresso al Gravity Bar, con una meravigliosa vista a 360° su Dublino.

Essendo sabato abbiamo pranzato al Temple Bar Food Market (ogni sabato dalle 10 alle 16:30) e nel pomeriggio siamo andati al Trinity College dove abbiamo anche assistito alla prima partita di rugby della stagione.
Con una facile passeggiata si raggiunge Merrion Square, dove si trova la statua di Oscar Wilde, e poco più in là si trova anche l’ingresso del St. Stephen Green. La serata si conclude tornando in hotel passando per Grafton Street e bevendo le ultime birre.

05/10 → Dublino – Milano
L’ultimo giorno abbiamo visitato St.Patrick Cathedral per poi tornare in centro per pranzo e andare all’aeroporto.%title

AUTO

Come sempre mi sono affidata a Rentalcars e abbiamo prenotato un’auto con Sixt ad un prezzo di € 129,90.
Il navigatore per me non è indispensabile: per sicurezza l’avevamo installato sul telefono ma non lo abbiamo praticamente mai utilizzato.
L’unica volta che sarebbe servito era per cercare l’hotel a Belfast (UK) ma avendo le mappe per l’Irlanda ovviamente non funzionava! Poco importa: ho chiesto indicazioni e in men che non si dica siamo arrivati a destinazione.
Per le giornate successive basta una cartina o meglio ancora basta seguire le indicazioni stradali che sono ottime.%title

HOTEL

Questi sono gli hotel dove ho soggiornato io: mi sono trovata benissimo sia come posizione che come struttura/servizi.

Belfast → Ibis Belfast Queens Quarter (75 University Street – Belfast) – Incluso wifi-parcheggio.
Ve lo consiglio se, come noi, avete l’auto in quanto il parcheggio è compreso nel prezzo. Da qui raggiungete facilmente il centro con una passeggiata di una decina di minuti circa. La zona è ricca di locali e posti per mangiare in quanto si trova vicino all’università.

Ballymoney → Burn Brig Bed & Breakfast (105 Toberdoney Road – Ballymoney )
Tipica casa adibita a B&B. Eravamo gli unici ospiti quindi siamo stati coccolati. Si trova appena fuori città ed è immerso nel verde e la colazione è varia (potete scegliere la continentale o English breakfast)

Derry/Londonderry → Rose Park House (53 Rosemount Ave – Derry) – Incluso wifi e colazione.
La casa si trova a poca distanza a piedi dal centro di Derry, la proprietaria è gentilissima e vi darà un sacco di indicazioni utili. C’è un comodo parcheggio nella via a fianco.

Killybegs → Tara Hotel (Main Street, Killybegs) Parcheggio e wifi inclusi.
Scelto la sera prima, quando abbiamo deciso di spingerci fino in Donegal, questo hotel è pulito e con una vista perfetta sul piccolo porto.

Drogheda → Killowen House B&B (Woodgrange, Dublin Rd.)- Incluso parcheggio/wifi/colazione
La proprietaria è fantastica! Una signora che non vede l’ora di scambiare quattro chiacchere per darvi un sacco di consigli utili su cosa vedere e cosa fare nei dintorni. Assolutamente il mio preferito!

Dublino → Best Western Plus Academy Plaza Hotel (10-14 Findlater Place) Qui avevamo solo il wifi compreso nel prezzo. Abbiamo scelto questa struttura grazie ad un’offerta. Camera piccola ma con tutto l’occorrente e posizione perfetta per visitare Dublino a piedi. Appena usciti dalla porta di ingresso ci si trova immediatamente in O’Connel Street.

Se ancora non vi ho convinto a partire provate a vedere il mio video. Enjoy it!%title

Hai trovato utile questo post? Condividilo sui tuoi social!
Elisa - Tripvillage
Elisa - Tripvillage
Nata con la passione della danza, mi avvicino ai viaggi solo nel 2007 a seguito di un infortunio al ginocchio: da quel momento non mi sono più' fermata! Sono felice con un viaggio prenotato e la mia macchina fotografica tra le mani. Il pensiero di poter visitare tutto il mondo mi fa battere forte il cuore: da qui nasce il mio nuovo progetto lavorativo, perché dietro ad una scrivania non ci riesco proprio a stare! Interista nel cuore e amante degli animali.
TRIPVILLAGE - Blog di viaggi

26 Comments

Leave a Comment