AmericaCaliforniaStati Uniti

Il Big Sur e la Highway 1: cosa non perdere

julia_pfeiffer_state_park_big_sur_california_tripvillage-23

Il Big Sur è con certezza una delle regioni più famose della California e conserva ancora il fascino della natura selvaggia.

Inserendo il percorso su GoogleMaps troverete indicata una durata di percorrenza di circa tre ore e mezza ma, se volete percorrere la Highway 1 – una delle strade panoramiche più famose d’America – in tutta tranquillità, godendovi i panorami offerti da Madre Natura, vi consiglio di dedicare a questa zona almeno una giornata.

Ecco la California sognata dagli uomini del passato, ecco il Pacifico contemplato da Balboa, ecco il volto della Terra cosi come fu concepito dal Creatore.

Henry Miller

Il Big Sur e la Higway 1

Per questioni di tempo, ho deciso di “tagliare” alcuni punti, per cui le tappe fondamentali del mio itinerario sono state:

  • Monterey
  • Carmel
  • Point Lobos State Reserve
  • Bixby Creek Bridge
  • Julia Pfeiffer State Park
  • Morro Bay

MONTEREY

Siamo partiti da Monterey la mattina presto anche se, cosí facendo, la nebbia ci ha accompagnato per tutta la tratta iniziale.
Noi abbiamo deciso di saltare a piè pari la 17 Mile Drive – la strada litoranea lunga 17 miglia che costeggia la penisola tra la baia di Monterey e quella di Carmel – per proseguire e concentrarci sulla strada e i panorami offerti dalla costa in modo gratuito.

CARMEL

La prima sosta arriva dopo circa 4 miglia quando arriviamo a Carmel, famosa soprattutto per essere stata governata per un breve periodo da Clint Eastwood.
E’ una cittadina ricca – a testimonianza di ciò troverete, all’incrocio tra Ocean St. e Lincoln St. l’orologio comunale: un Rolex! – ordinata e pulita che sembrerà capace di catapultarvi indietro nel tempo.

%title

POINT LOBOS STATE RESERVE

Dopo Carmel si raggiunge la Point Lobos State Reserve – una riserva naturale in cui sono ospitati leoni marini, lontre marine e pellicani e una vegetazione da cartolina ricca di cipressi piegati dal forte vento.
Come in ogni parco americano, all’ingresso, vi verrà fornito un opuscolo contente le informazioni sul parco e l’utilissima cartina.
Per capire la bellezza selvaggia del paesaggio che vi circonda attraverso i sentieri pedonali che costeggiano l’oceano mi sento assolutamente di consigliarvi il Cypress Groove Trail

%title

%title

%title

BIXBY CREEK BRIDGE

Altro punto immancabile sulla costa è il Bixby Creek Bridge, un gioiello architettonico realizzato da alcuni detenuti nel 1932, che ha permesso l’inaugurazione della Highway 1.
Prima della costruzione del ponte il litorale era uno dei luoghi più selvaggi ed inaccessibili di tutta la California.

JULIA PFEIFFER STATE PARK

Il Julia Pfeiffer State Park è forse il luogo più famoso di tutta la Highway 1.
Noi abbiamo parcheggiato l’auto al bordo della strada e – attraverso un piccolo sentiero – siamo arrivati a lato della Saddle Rock.

Qui si trova la McWay Falls: l’unica cascata della costa del Pacifico che finisce direttamente su una spiaggia.

%title

Da questo punto la strada scorrerà più velocemente, anche se le soste saranno ancora molteplici come quando, per esempio, vi troverete di fronte ad una grande spiaggia piena di leoni marini assonnati.

%title

MORRO BAY

L’ultima tappa è Morro Bay con la famosa Morro Rock, il grande isolotto roccioso situato a pochissima distanza dalla costa.
In genere viene usato come punto di appoggio per la notte ma noi abbiamo preferito spostarci un po’ più a sud per risparmiare qualcosina.

Un mio consiglio è, se possibile, di percorrere questo tratto da Nord a Sud in modo da avere tutti i viewpoint e la costa nel giusto senso di marcia, per evitare fastidiose inversioni e per godere a pieno dei panorami pur guidando la vostra auto.

%title

Avendo visitato prima i grandi parchi americani della West Coast, questa regione non rientra tra le mie zone preferite ma merita sicuramente una visita se avete in programma un trasferimento da San Francisco a Los Angeles (o viceversa).

Info Utili:

      • La 17 Mile Drive è una strada a pagamento e il pedaggio è di 10$ a veicolo. Offre punti panoramici meravigliosi con tantissimi cipressi e una grande concentrazione di campi da golf immersi tra ville di lusso.
      • A questa pagina trovate una cartina scaricabile del Pfiffer Big Sur State Park
      • Un altro sito di interesse è indubbiamente l’Hearst Castle, un’enorme e lussuosa residenza privata costruita su una tenuta di circa 40.000 acri (circa 160km2)
      • Vi consiglio ovviamente di noleggiare una macchina e di percorrere tutto il tratto in autonomia, in modo da potervi fermare ogni volta che volete.
      • Per cercare alloggio, se viaggiate fuori stagione, potete anche prenotarlo di giorno in giorno. Se viaggiate ad agosto invece prenotare prima perché, come sempre, i posti si esauriscono in fretta.

    Per approfondire: Organizzare un viaggio negli Stati Uniti: Cosa sapere?

    Sogna,Crea,Viaggia Travel Designer

Hai trovato utile questo post? Condividilo sui tuoi social!
Elisa - Tripvillage
Elisa - Tripvillage
Nata con la passione della danza, mi avvicino ai viaggi solo nel 2007 a seguito di un infortunio al ginocchio: da quel momento non mi sono più' fermata! Sono felice con un viaggio prenotato e la mia macchina fotografica tra le mani. Il pensiero di poter visitare tutto il mondo mi fa battere forte il cuore: da qui nasce il mio nuovo progetto lavorativo, perché dietro ad una scrivania non ci riesco proprio a stare! Interista nel cuore e amante degli animali.
TRIPVILLAGE - Blog di viaggi

37 Comments

Leave a Comment