Spagna

Cheap Valencia

valencia_tripvillage-8

Restiamo in Spagna… ma questa volta ci spostiamo un po’ più a Sud.

Una settimana di ferie inaspettata, e comunicata solo pochi giorni prima, ci ha spinto a cercare una destinazione economica e vicina per staccare la spina e non “sprecare” questi giorni a casa. Così dopo aver ottenuto anche io qualche giorno libero, abbiamo prenotato il nostro volo per Valencia solo pochi giorni prima della partenza.

Ho avuto fin da subito l’impressione di trovarmi in una città molto ben organizzata ed ordinata.

Da vedere sicuramente d’estate o in primavera inoltrata, Valencia offre una moltitudine di luoghi da visitare, buon cibo e tanto divertimento a bassi costi.
A partire dal volo, acquistato con ottimi orari e ad un prezzo irrisorio, penso sia stato il week-end lungo più’ economico che abbiamo mai fatto.%title

Da buona appassionata di parchi cittadini (non manco mai di visitarne uno!!) la cosa che più’ mi é piaciuta sono stati i Jardin de Turia. Più’ che un parco vero e proprio sono veramente un insieme di giardini, nati grazie all’idea di deviare il corso del fiume Turia per evitare ulteriori straripamenti in centro città; questo bellissimo spazio verde, che attraversa Valencia verticalmente, permette di passeggiare immersi nella natura e ammirando una lunga serie di ponti antichi e contemporanei, fino a raggiungere la famosa Città delle Arti e delle Scienze. Qui abbiamo deciso di visitare il più’ grande parco marino d’Europa: l’Oceanogràphic.
Questo bellissimo acquario, che ospita innumerevoli specie marine, riproduce praticamente tutti gli habitat e i climi presenti sulla Terra. Partendo dal nostro Mediterraneo, si passa ad ambientazioni tropicali con squali, tartarughe e pesci coloratissimi, fino ad arrivare alla ricostruzione dei due Poli con trichechi e pinguini. Quelli che ho citato sono solo una piccola parte degli animali ospitati all’interno di questo parco.. preferisco far parlare le foto: %title

%titleUn’altra zona da non perdere sono i Jardines del Real, soprannominati anche viveros (vivai) per le loro aiuole di fiori, che occupano il parco dell’ex Palazzo Reale.
Tornando ai monumenti e al centro sicuramente la zona che più mi é piaciuta é stata la Plaza Santa Catalina… non so perché ma quello scorcio di Valencia lo porto ancora nel cuore.%title
Pur essendo andati ad aprile abbiamo deciso di concederci un break al mare, così abbiamo preso i bus, che servono benissimo la città ed abbiamo passato una mattinata alla spiaggia di Malvarrosa dove ci attendeva una lunga spiaggia deserta e un tiepido sole pronto a scaldarci. Sicuramente da visitare in estate quando il clima é caldo e i locali sono aperti per la famosa movida.%title
Sono rimasta piacevolmente stupita perché Valencia é molto di più di quel che si pensa: é cultura, é architettura, é cibo ed é divertimento.

Cosa chiedere di più?%title

Hai trovato utile questo post? Condividilo sui tuoi social!
Elisa - Tripvillage
Elisa - Tripvillage
Nata con la passione della danza, mi avvicino ai viaggi solo nel 2007 a seguito di un infortunio al ginocchio: da quel momento non mi sono più' fermata! Sono felice con un viaggio prenotato e la mia macchina fotografica tra le mani. Il pensiero di poter visitare tutto il mondo mi fa battere forte il cuore: da qui nasce il mio nuovo progetto lavorativo, perché dietro ad una scrivania non ci riesco proprio a stare! Interista nel cuore e amante degli animali.
Tripvillage - Travel Blog di Elisa

11 Comments

Leave a Comment