AsiaVietnam

COSA FARE AD HANOI – 7 COSE ASSOLUTAMENTE IMPERDIBILI

cosafarehanoi

Hanoi ha conservato il suo fascino storico e coloniale, specialmente intorno al vecchio e animato Old Quarter dove il mondo moderno ha appena invaso in punta di piedi le affascinanti stradine stracolme di negozi, bancarelle e motorini.
Tanti motorini.
Milioni di motorini tra cui sembrerà impossibile districarsi e – soprattutto – sembrerà improbabile riuscire a schivare per attraversare la strada.

Al primo impatto la capitale del Vietnam è caos e frastuono (ok, anche al secondo) e risulta probabilmente poco accogliente: interminabili attese per attraversare la strada – che diventeranno attimi eterni se non si prende la decisione di buttarsi nella mischia con passo sicuro, attendendo che siano i motorini a schivarvi – clacson che suonano ad ogni millesimo di secondo, marciapiedi fitti di tavolini e sgabelli pieni di vietnamiti che mangiano a suon di zuppe e birra e umidità, tanta umidità.
E poi smog e igiene opinabile per noi occidentali.

Hanoi si mostra per quello che è; Hanoi non vuole nascondersi dietro a qualche finto tocco di trucco. È così, nuda e cruda.
Traffico ad Hanoi

VITA LOCALE AD HANOI

Ricordo ancora la prima volta a Bangkok e il mio assoluto rifiuto verso questa città. Scommetto che molti potrebbero avere lo stesso effetto con la capitale vietnamita ma io, al contrario, per Hanoi ho provato subito simpatia.
Se quindi arrivate per la prima volta in Asia mettendo piede ad Hanoi, lasciatele il tempo di entrare nei vostri cuori. Io ho rivalutato Bangkok e sono sicura che non vorrete fare il mio stesso errore.

Ho passato meno di 36 ore ad Hanoi e sento che qualcosa mi manca.
Ho deciso di non visitare musei, visto il poco tempo a disposizione, ma ho cercato piuttosto di godermi a pieno la vita giornaliera di chi questa città la abita e la chiama casa.

Hanoi è da vedere.
Hanoi è da capire.
Hanoi è da amare.

CAOS NELLE STRADE DI HANOI

COSA FARE AD HANOI IN MENO DI 36 ORE? ECCO 7 COSE ASSOLUTAMENTE IMPERDIBILI

ESPLORARE L’OLD QUARTER

Il mio primo consiglio è sempre quello di perdersi per le vie del centro di ogni città.
Passeggiare senza una meta ben precisa è un buon modo per entrare in contatto con il luogo che stiamo scoprendo.

L’Old Quarter di Hanoi è inoltre il vero cuore della città. Qui riuscirete a provare un’autentica esperienza vietnamita.
Non appena si mette piede per le strade dell’Old Quarter si capisce perché “caotica” è il primo aggettivo che tutti associano ad Hanoi. Ma questo è ciò che la rende così affascinante.
I marciapiedi sono pieni di bancarelle che espongono oggetti, giocattoli, frutta e verdura multicolor.
L’Old Quarter è il caos assoluto, ma è completamente affascinante ed un’esperienza che non dimenticherete mai.

Una volta abituati al caos, una delle prime cose che noterete è come ogni strada venda una sola tipologia di prodotto. Ad esempio c’è la strada che vende solo oggetti di cartoleria, la strada dove vendono solo spezie, la strada dei giocattoli, quella degli utensili da cucina e via così.
Motorini ad hanoi

MANGIARE LO STREET FOOD LOCALE (anche a colazione!)

Il modo migliore per vivere un Paese è assaggiare la cucina locale. Come dico sempre, ogni viaggio non è completo se non comprende anche i piatti tipici e lo street food autoctono.

Ad Hanoi non avrete che l’imbarazzo della scelta perché ad ogni angolo troverete qualsiasi tipo di piatto locale, l’unico problema sarà che nessuno dei piccoli venditori parla inglese, per cui tradurre il menù sarà una missione impossibile e che le condizioni igieniche sono un pochino precarie per noi occidentali. Ma non spaventatevi-

Io prima di partire mi ero segnata qualche “ristorante” locale che ho provato e poi ho chiesto in giro a qualche local, che mi ha consigliato uno di quei posti dove non mi sarei mai fermata.

Non mancate di provare una scodella di pho bo (zuppa di noodle e manzo) per colazione, il piatto più famoso di Hanoi.mangiare locale ad hanoi

Nonostante il mio stomaco di ferro, per la prima volta durante uno dei miei viaggi ho preso un virus proprio in Vietnam. Niente di grave, ma sicuramente una cosa che ha portato parecchi disturbi. Per ovviare a questo problema magari fate una cura di fermenti lattici potenti prima di partire.

Potrebbe interessarti Consigli utili per organizzare un viaggio in Vietnam

FATE UN MASSAGGIO

Tra un ristorante ed un negozio troverete anche una SPA o un centro massaggi, un po’ come in tutto il Sud Est Asiatico.
Siete pur sempre in vacanza per cui concedetevi un attimo di relax a pochissimo prezzo e fatevi coccolare.

GUARDATE IL TRENO CHE PASSA – VISITARE TRAIN STREET

Detto così potrebbe far venire in mente la famosa scena de “Il treno è sempre il treno” di Artemio e dei suoi amici nel film Ragazzo di campagna, con il mitico Renato Pozzetto.
E invece è qualcosa di più.train street ad Hanoi

La Train Street di Hanoi è uno di quei posti diventati super popolari su Instagram.
Si tratta di una strada stretta stretta dove troverete case sulla destra e sulla sinistra, ed in mezzo un binario ferroviario. Inizialmente può non sembrare interessante ma vedere il treno passare in uno spazio così ristretto è veramente incredibile.

Il treno passa ogni giorno alle 15:30 e poi anche di notte, potete quindi decidere di prendervi un caffè in uno dei localini che hanno aperto in una di queste abitazioni o potete strizzarvi contro i muri nel poco spazio lasciato dal treno.
Fate attenzione però perché lo spazio è veramente ristretto e quindi abbastanza pericoloso.

CONCEDETEVI DEL TEMPO SUL LAGO HOAN KIEM

Passeggiare ai lati del lago Hoan Kiem non richiede più di 30 minuti ed è il modo migliore per osservare lo scorrere della vita della città. Anche i locali si riuniscono qui per sottrarsi al caos delle strade di Hanoi: al mattino presto troverete persone che fanno thai chi e poi ancora gente che si rilassa, giovani che si danno appuntamento.

Una delle parti più conosciute del lago è Jade Island, un isolotto nel centro del lago che si raggiunge attraversando un piccolo ponte rosso, l’Huc Bridge, per arrivare al tempio Ngoc Son.LAGO HOAN KIEM hanoi

LASCIATEVI TRAVOLGERE DALLA VITA NOTTURNA A SUON DI BIA HOI

Non pensate a notti pazze in discoteca o mega locali con musica a palla.
Trascorrete una serata lungo le vie della città, immergetevi nella vita locale del night market (dal venerdì alla domenica dalle 18 alle 24) e sedetevi sui bassissimi sgabelli che affollano i marciapiedi a sorseggiare la Bia Hoi – la tipica “birra fresca”locale, una birra leggera e priva di conservanti.
Andate all’incrocio tra le vie Ta Hien e Luong Ngoc Quyen nel Quartiere Vecchio, sarà una delle cose migliori da fare ad Hanoi.

Traffico ad Hanoi

MAUSOLEO DI HO CHI MINH E TEMPIO DELLA LETTERATURA

Viste le pochissime ore passate in città non sono riuscita a visitarli ma visti i mille pareri positivi mi sento di inserirli nella lista.
Il Mausoleo di Ho Chi Minh – monumento funebre in cui sono custodite le spoglie dell’ex presidente vietnamita, che ha dedicato la sua vita alla liberazione del Vietnam – e il Tempio della Letteratura, un piccolo angolo di cultura e tranquillità.

INFORMAZIONI UTILI
  • Dove dormire ad Hanoi? Sicuramente consiglio di scegliere uno dei tantissimi hotel che si trovano all’interno dell’Old Quarter, in modo da poter girare tranquillamente a piedi.
  • Per raggiungere il centro di Hanoi dall’aeroporto potete prendere il bus n. 86 che vi lascerà a varie fermate e da qui dovrete poi cercare in autonomia il vostro hotel.
    In alternativa la soluzione migliore è quella di contattare il vs. hotel prima della partenza e concordare che vi vengano a prendere in aeroporto, servizio offerto dalla stragrande maggioranza di hotel della città.
  • Da Hanoi partiranno tutti i tour per fare trekking a Sapa e per la crociera nella Baia di Halong. Vi consiglio di leggere i miei post per organizzare i vostri tour in autonomia: Trekking a SapaCrociera responsabile nella Baia di Halong.

Sogna,Crea,Viaggia Travel Designer

Hai trovato utile questo post? Condividilo sui tuoi social!
Elisa - Tripvillage
Elisa - Tripvillage
Nata con la passione della danza, mi avvicino ai viaggi solo nel 2007 a seguito di un infortunio al ginocchio: da quel momento non mi sono più' fermata! Sono felice con un viaggio prenotato e la mia macchina fotografica tra le mani. Il pensiero di poter visitare tutto il mondo mi fa battere forte il cuore: da qui nasce il mio nuovo progetto lavorativo, perché dietro ad una scrivania non ci riesco proprio a stare! Interista nel cuore e amante degli animali.
TRIPVILLAGE - Blog di viaggi
Leave a Comment

Scroll Up