AsiaIsraele

ORGANIZZARE UN VIAGGIO IN ISRAELE: COSA SAPERE?

Viaggio-in-Israele

Immaginate di visitare un Paese con una storia antichissima, che racchiude tre importantissimi siti religiosi a pochi metri l’uno dall’altro, in una delle città più famose del Mondo.

Un viaggio in Israele di quattro giorni può essere utile per avere un primo approccio con un Paese che merita sicuramente più tempo.
Dopo il viaggio in Giordania pensavo che nulla potesse più stupirmi molto, ma quando la scoperta di alcuni luoghi che senti nominare da una vita ti emoziona cosi tanto da sentirli fin sotto la pelle, allora ti accorgi nuovamente quanto sia meraviglioso scoprire il Mondo.
Non pensate però che un viaggio in Israele sia solamente un viaggio religioso, perché questo Paese offre veramente molto di più: da uno dei migliori lungomari visti, al clima mite, al fascino delle città che sono state capaci di reinventarsi e diventare una popolare meta turistica.
Muro del Pianto a Gerusalemme

ORGANIZZARE UN VIAGGIO IN ISRAELE: COSA SAPERE?

Io sono partita totalmente impreparata perché è stato un viaggio organizzato all’ultimo momento.
Ciò che posso dirvi con certezza è che non incontrerete nessuna difficoltà a girare per le città e soprattutto a muovervi anche con i mezzi pubblici.

VOLI – COME RAGGIUNGERE ISRAELE

Dall’Italia abbiamo la fortuna di essere a poche ore di volo da Israele e con le più famose compagnie low cost ci sono tanti collegamenti (Easyjet collega con voli diretti Milano/Venezia/Napoli a Tel Aviv – Ryanair collega con voli diretti Milano/Roma a Tel Aviv).
L’aeroporto dista pochi km dalla città ed in meno di mezz’ora di taxi (e con circa l’equivalente di € 30,00) vi ritroverete immersi nel centro di Tel Aviv.
Old Jaffa Tel Aviv

Una menzione speciale va fatta al capitolo controlli in aeroporto.
Prima di partire ne ho lette e sentite di tutti i colori. C’è da dire che effettivamente i controlli qui sono molto serrati rispetto che in tutti gli altri aeroporti dove sono stata.
Per quanto riguarda l’arrivo in Israele preparatevi a fare fila al controllo passaporti e siate pronti a rispondere a varie domande di ogni tipo, sia sul soggiorno che sulla vostra vita privata (dove alloggerete, perché siete in Israele, con chi viaggiate, che lavoro fate, etc…).

Per il rientro invece la questione è un po’ diversa. Ovunque il consiglio è di arrivare in aeroporto con largo anticipo e non mi sento assolutamente di consigliarvi il contrario.
Prima dell’area check-in verrete fermati da agenti che controlleranno i vostri documenti e vi faranno una quantità indefinita di domande (dal perché del vostro viaggio in Israele, a domande di livello personale …).
Una volta terminato viene apposto sul passaporto un codice a barre a 10 cifre, ed il primo numero pare sia quello che indichi il vostro “grado di pericolosità”: da 1 a 4 siete salvi e passerete ai normali controlli di sicurezza, dal 5 al 6 invece sarete sottoposti a controlli ancora più accurati.

VIAGGIO IN ISRAELE: DOVE DORMIRE?

Purtroppo, essendo stati in Israele solo 4 giorni, abbiamo fatto base a Tel Aviv senza dormire a Gerusalemme.
Al contrario di quanto si possa pensare, il Paese non è esattamente economico e il costo di un hotel può incidere di molto sul vostro budget.
Ho spulciato vari siti e letto milioni di recensioni e alla fine ho optato per l’affitto di un appartamento con Airbnb: ad un prezzo inferiore abbiamo dormito in una posizione perfetta di Tel Aviv, a pochi passi dal magnifico lungomare della città e a meno di cinque minuti a piedi da Rothschild Boulevard che la sera è piena di locali e di vita.

VIAGGIO IN ISRAELE: COME RAGGIUNGERE GERUSALEMME DA TEL AVIV

Se i giorni a disposizione sono pochi e si può solamente fare base a Tel Aviv, è comunque un’ottima idea quella di decidere di visitare Gerusalemme anche solamente in giornata.
Se volete contenere le spese potete recarvi alla stazione dei pullman e cercare la porta per il bus n. 405.
I biglietti si possono fare direttamente all’imbarco al costo di 16 ILS ed in meno di un’ora arriverete alla stazione centrale dei bus di Gerusalemme.

VIAGGIO IN ISRAELE: COME MUOVERSI IN CITTÀ

Muoversi a Tel Aviv

Per il vostro viaggio in Israele portatevi scarpe comode e preparatevi a camminare tantissimo.
Muoversi in città è veramente una passeggiata e visitare Tel Aviv a piedi vi permetterà di scoprire ancora meglio la città. In poco tempo si passa dai nuovi palazzi e grattacieli del centro fino ad arrivare – camminando lungo il bellissimo lungomare – a Jaffa, l’antica città portuale da dove è nata e si è poi sviluppata la Tel Aviv moderna, ed il suo porto è uno dei più famosi del mondo.
Potete anche noleggiare le biciclette con il comodo servizio di bikesharing di Tel-O-Fun.
Quando sono serviti spostamenti più veloci ho invece fatto affidamento all’ormai caro vecchio Uber, che qui vi fa comunque arrivare anche dei taxi normali. Se non siete degli utilizzatori della comoda applicazione, basta scendere in strada per trovare un taxi, non sarà difficile.
C’è da dire che il prezzo non è economicissimo, però per il poco che lo userete è una spesa che si può affrontare se avete un’urgenza.

Muoversi a Gerusalemme

Se arrivate con il bus, come sopra specificato, appena fuori dall’uscita potete prendere la metropolitana leggera – acquistando i biglietti alle comode macchinette poste alla fermata – che al costo di 6 ILS a tratta vi porteranno all’ingresso della Città Vecchia.
Se come me viaggiate di venerdì, ricordatevi che dal tramonto fino al tramonto del sabato i servizi si interrompono e quindi dovrete organizzarvi per tempo per il rientro a Tel Aviv.

Io non vedo l’ora di tornare per scoprirlo meglio, e a voi non è ancora venuta voglia di partire?

 

 

Sogna,Crea,Viaggia Travel Designer

Hai trovato utile questo post? Condividilo sui tuoi social!
Elisa - Tripvillage
Elisa - Tripvillage
Nata con la passione della danza, mi avvicino ai viaggi solo nel 2007 a seguito di un infortunio al ginocchio: da quel momento non mi sono più' fermata! Sono felice con un viaggio prenotato e la mia macchina fotografica tra le mani. Il pensiero di poter visitare tutto il mondo mi fa battere forte il cuore: da qui nasce il mio nuovo progetto lavorativo, perché dietro ad una scrivania non ci riesco proprio a stare! Interista nel cuore e amante degli animali.
TRIPVILLAGE - Blog di viaggi
Leave a Comment