Varie

#PeopleInAShot – L’emozione del viaggio in un click

#peopleinashot

Da quando ho letto il post relativo a #PeopleInAShot di Emanuele di RecYourTrip ho subito sorriso ripensando alle mille foto (a volte rubate, lo ammetto!) scattate alle persone durante i miei viaggi.

Da quando ho iniziato a viaggiare il mio modo di essere e di pensare sono cambiati radicalmente; ho stravolto le mie abitudini, soprattutto quelle mentali, grazie alla possibilità di vedere con occhi diversi ciò che mi circonda ogni giorno.

Sono sempre le persone a farci capire tante cose e ad entrare profondamente dentro la nostra testa, a volte con una chiacchierata, a volte con un semplice sorriso e molto spesso senza nemmeno saperlo; basta uno sguardo o un’azione abituale a provocarci istantaneamente una moltitudine di emozioni che ricorderemo per tutta la vita.
Quelle emozioni che rendono indimenticabile un viaggio.

Emanuele scrive:

“E così queste foto ci vengono in aiuto, questi scatti “rubati” sono intrisi di emozioni e di significati ed ogni volta che li guardiamo ci ricordano il senso di un viaggio, il senso di mettersi in gioco confrontandosi in modo umile ed aperto con le altre culture.”

IL MIO #PEOPLEINASHOT

momento di preghiera al Wat Chedi Luang Worawihan

Questo è stato uno dei momenti più emozionanti del mio viaggio in Thailandia.
Eravamo a Chiang Mai, all’interno del Wat Chedi Luang Worawihan, e mentre stavamo facendo la nostra visita sono entrati uno dopo l’altro questi giovani monaci che, in rigoroso silenzio e rispetto, si inginocchiavano a pregare.
Il silenzio tutt’attorno misto alle loro voci che si levavano all’unisono mi hanno fatto venire letteralmente la pelle d’oca.

la felicità di un bambino al Washington Square Park di new york
Questa è una di quelle foto che riguardo con più piacere.
Sorrido sempre.
Dopo una delle nostre infinite passeggiate ci siamo seduti a Washington Square Park per riposarci un po’ e per godere dell’atmosfera rilassata di un tardo pomeriggio di inizio settembre; coppie, amici, famiglie, padroni a passeggio con i loro cani, anziani e artisti di strada rendevano bene l’idea del melting pot che rappresenta la Big Apple.
Proprio mentre ero seduta su di una panchina mi sono avvicinata ad un piccolo gruppo che osservava alcuni artisti di strada intenti a creare gigantesche bolle di sapone. Tra questi, un piccolo bimbo a spasso con la sua baby-sitter  si è fatto spazio tra la folla ed è andato a provare con mano la creazione di una bolla più grande di lui: lo stupore nei suoi occhi è stato meraviglioso, così tanto che prima di tornare dalla sua tata si è fermato da solo vicino ad un altro secchio per riprovarci… io non ho resistito e click.

Lo sguardo più bello del mondo è quello innocente di un bambino: sia per la bontà che porta dentro agli occhi, sia per lo stupore con cui si meraviglia del mondo.
C.Haddad

 

uomo al lavoro sul Brooklyn Bridge
Sempre a New York ma questa volta a spasso sul Brooklyn Bridge.
Questa è stata per parecchio tempo la foto di sfondo del mio smartphone. Non appena ho visto quest’uomo imbragato e intento a lavorare mi sono messa in posizione per scattare; il suo lavoro e lo sfondo hanno fatto tutto da soli.
Forse non ha un significato profondo ma mi ha fatto immaginare cosa significa fare questo tipo di lavori in una città come NYC, dove anche l’ordinario a volte diventa straordinario.

giovani monaci alla Golden Mountain a bangkok
La mia foto preferita tra quelle scattate in Thailandia.
Sono particolarmente legata a questo scatto perché ho praticamente condiviso con questi monaci tutta la visita al Wat Saket, meglio conosciuto come la Golden Mountain a Bangkok.
Siamo arrivati insieme, abbiamo percorso tutta la salita nello stesso momento e ci siamo “divisi” solo una volta dentro; nel momento in cui abbiamo ricominciato a scendere i 320 scalini per tornare al nostro tuk-tuk li ho rivisti davanti a me e nel momento in cui hanno cambiato strada ho visto la cornice perfetta per uno scatto.

Questi sono i miei scatti per il #PeopleInAShot … e voi non partecipate?

Hai trovato utile questo post? Condividilo sui tuoi social!
Elisa - Tripvillage
Elisa - Tripvillage
Nata con la passione della danza, mi avvicino ai viaggi solo nel 2007 a seguito di un infortunio al ginocchio: da quel momento non mi sono più' fermata! Sono felice con un viaggio prenotato e la mia macchina fotografica tra le mani. Il pensiero di poter visitare tutto il mondo mi fa battere forte il cuore: da qui nasce il mio nuovo progetto lavorativo, perché dietro ad una scrivania non ci riesco proprio a stare! Interista nel cuore e amante degli animali.
TRIPVILLAGE - Blog di viaggi

29 Comments

Leave a Comment